Shopping cosmeticoso gennaio 2017

Prometto…ho trovato pace con il template! Lo so, da quando ho riaperto il blog è il terzo che cambio però mi è stato difficile trovarne uno gratis che fosse facilmente fruibile, che mi permettesse di avere la barra laterale con tutto ciò che mi interessa e che fosse anche gradevole agli occhi. Questo non mi entusiasma cromaticamente però ha gli altri due requisiti quindi mi accontento non avendo le capacità per modificare i colori. Chi avesse qualche suggerimento batta un colpo! Ora torniamo sul pezzo, Babbo Natale mi ha portato molti graditissimi regali: l’eau de toilette Violetta di Bottega Verde probabilmente è un prodotto che non avrei acquistato, perchè le fragranze di BV a mio parere sono troppo alcoliche, ma avendo da poco terminato il mio profumo del cuore ne ho approfittato per risparmiare un po’ utilizzandolo

dscn5111

Continuando con i regali natalizi vi mostro anche un delizioso kit di Bottega Verde che comprende crema mani e detergente lavamani alla lavanda

dscn5091

e per concludere il detergente viso di Clinique Pep-start e due minitaglie che sto utilizzando con grande piacere: la crema viso Repairwear uplifting e la crema contorno occhi All about eyes. In futuro mi piacerebbe acquistare anche il City block perchè ormai Clinique insieme ad Estée Lauder è il mio brand preferito di prodotti per il viso.

dscn5088

Possiedo da anni il kabuki di Neve cosmetics e lo avevo sempre conservato nella sua scatola originale che però si è decomposta durante le vacanze natalizie, ho quindi provveduto a sostituirla con questo delizioso astuccio di H&M

dscn5101

Ho riacquistato il mio fondotinta del cuore Double wear di Estée Lauder nella colorazione 3n1 qui fotografato con lo struccante occhi express 2in1 di Garnier davvero un ottimo prodotto, strucca anche il catrame 🙂

dscn5079

Infine tre maschere in tessuto, Skin active hydra bomb super idratante e lenitiva alla camomilla, Skin active hydra bomb idratante e opacizzante al tè verde e la spa facciale tea tree di Montagne jeunnesse.

dscn5116

Wow gennaio 2017

Da oggi questo blog entra a far parte della tribù degli wow creata da Sara Cantoni del blog Non solo shopping ecco dunque le cose belle che hanno contraddistinto gli ultimi 30 giorni:

  1. tre anni fa abbiamo sostituito la classica macchina per il caffè espresso con la Nescafè dolce gusto perchè riteniamo che le capsule siano più pratiche visto che a casa soltanto io bevo caffè mentre quando abbiamo ospiti uso la moka per fare in modo che arrivi a tutti il caffè caldo nello stesso momento. Siamo stati un po’ in dubbio se acquistare la Dolce gusto o la Nespresso, ma alla fine abbiamo optato per la prima perchè offre una maggior varietà di bevande. Recentemente ho scoperto che da Auchan sono disponibili le capsule compatibili Gimoka, quindi ho deciso di provarle acquistando due prodotti che la Nescafè non offre nel proprio catalogo: la cioccolata e il caffè al ginseng, che dire, ottimi entrambi! Quando avrò smaltito un po’ le capsule di caffè che ho in casa acquisterò sicuramente quelle di Gimoka tranne per il mio amatissimo caffè al caramello perchè è una esclusiva Dolce gusto
    dscn5071
  2. durante l’autunno e l’inverno ci è capitato spesso di invitare gli amici per una merenda anzichè per la solita cena e ci siamo trovati un po’ in difficoltà perchè non avevamo un piattino per i biscotti da tè. Vicino casa ha recentemente aperto uno store Zodio (se non lo conoscete vi consiglio vivamente di fare un giro) e abbiamo trovato questo piattino a pois decorato con i cupcake che fa proprio al caso nostro.
    dscn5073
  3.  Fino a pochi giorni fa noi eravamo abituati ad usare i profumatori che si inseriscono nella presa della corrente, ma mi ero un po’ stancata e volevo qualcosa di diverso che fosse anche decorativo quindi siamo tornati da “Santo Zodio aiutaci tu” e abbiamo trovato questo profumatore per ambiente con i bastoncini di Millefiori alla fragranza Grape cassis con il suo piattino abbinato e siamo pienamente soddisfatti.dscn5077
  4. Una novità gastronomica dell’ultimo mese sono sicuramente i Mini burger vegetali al riso di Kioene: a pranzo io sono sempre sola e cerco di impegnarmi a variare il più possibile la mia alimentazione. Non sono una fan della soia quindi cerco di evitarla il più possibile, ma da quando ho scoperto questi mini burger mi si è aperto davvero un mondo! Sono i miei preferiti insieme ai Veggie burger Findus, entrambi consigliatissimi. 76314.jpg
  5. Sabato scorso siamo stati per la prima volta da Eataly presso lo Smeraldo di Milano, è stata una sorpresa piacevolissima e abbiamo scoperto tanti vantaggi: per prima cosa i cani possono entrare, poi è possibile pagare con i ticket elettronici sia alle casse, sia nei ristoranti, sia i vari corsi  trasferendo il valore corrispondente sulla carta prepagata Eatay. Noi siamo andati perchè ci interessava il festival del raviolo, ma gli stand erano inavvicinabili per la folla presente quindi abbiamo preferito mangiare una focaccia nel reparto panificio e girare liberamente tra le varie isole. Abbiamo ovviamente acquistato un po’ di tutto e siamo rimasti sorpresi dal fatto che i prezzi di molti prodotti fossero inferiori rispetto a quelli della grande distribuzione. In particolare mi ha colpito il reparto dedicato alla cura della casa e della persona dove ho trovato moltissimi prodotti eco-bio e i miei amatissimi pettini e spazzole Tek. Non ho saputo resistere e ho comprato un pettine a denti radi e fitti comodissimo per pettinarmi e fare la riga quando ho i capelli bagnati.dscn5118

Prodotti finiti gennaio 2017

Il primo terminato di gennaio è il mio amatissimo profumo Eau d’Issey Miyake, purtroppo ho dimenticato di fotografarlo prima di gettarlo quindi inserisco una foto presa dal web

25-5808-4307-toaletni-voda-issey-miyake-l-eau-d-issey-100ml-w-375x375

Ho ultimato altri due prodotti che utilizzo abitualmente ovvero il solvente per unghie Parisienne classico e il fondotinta Double Wear di Estée Lauder nella colorazione 3 n 1

dscn5096

Ho utilizzato con grande soddisfazione una minitaglia della crema Pivoine sublime crème perfectrice de L’occitane, e ho terminato un altro mio grande classico dell’inverno il balsamo labbra ai 4 burri de L’erbolario. Ho dovuto gettare la matita occhi n.11 di Collistar perchè la mina si è spezzata e non è più possibile temperarla.

dscn5109

Altri due prodotti che ho gettato perchè scaduti sono il Milky gloss de Le zuccherose e lo Shine lip gloss entrambi di Bottega Verde. Questi due prodotti labbra mi erano stati regalati perchè io non sono solita utilizzare gloss, preferisco i rossetti.

dscn5094

Durante il mese di gennaio sono stata malata quindi ho fatto una sola maschera che ho molto apprezzato: la Rejuvenating caviar mask di Iroha. Nella foto c’è anche un campioncino del detergente viso con estratti di zucca, foglie di piantaggine e mirtillo nero che non mi è piaciuto minimamente.

dscn5092

La coppia perfetta

coppiaperfetta

Questo libro nelle intenzioni dell’autrice B.A. Paris avrebbe dovuto essere un thriller avvincente, a mio parere invece è soltanto una noia mortale. I protagonisti sono una coppia di giovani sposi, Jack e Grace Angel, lui avvocato di successo specializzato nella difesa di donne maltrattate, lei con il matrimonio lascia un lavoro impegnativo ed interessante per fare la casalinga. Apparentemente vivono  una vita idilliaca: agli occhi degli amici lei è una perfetta padrona di casa e lui un uomo colto, raffinato e spiritoso. Nella realtà invece Grace è prigioniera in una casa con sbarre alle finestre, non può rispondere né al telefono né alle e-mail, non può uscire da sola. Le stranezze del loro ménage saltano agli occhi ed iniziano a destare qualche sospetto, ma Jack riesce sempre a trovare giustificazioni plausibili facendo riferimento alla fragilità mentale di Grace narratrice in prima persona di questa vicenda che si svolge su un doppio binario alternando un capitolo dedicato al presente ad uno al passato. Lo stile narrativo è estremamente semplice, la lettura infatti è stata molto rapida anche se ho rischiato seriamente di incappare nel blocco del lettore per quanto mi ha infastidito il basso livello dell’approfondimento dei personaggi che sono totalmente piatti. Temevo che leggere un romanzo dedicato a questo argomento mi avrebbe disturbato il sonno o provocato ansia, invece l’unico fastidio che ho davvero provato è stato per all’assurdità della trama inverosimile fin dalle prime pagine. Questo thriller si basa sulla violenza psicologica inferta da Jack a Grace, ma non si indagano minimamente le dinamiche che portano alla malattia mentale di Jack né quelle della passività di Grace fino all’epilogo finale frettoloso quanto inverosimile. So che si tratta di un esordio letterario quindi mi auguro che il futuro ci riservi prove migliori.

Questo libro rientra nella Reading challenge nella categoria: un best seller di un genere che normalmente non leggeresti

Il booktag della befana

1 L’epifania tutte le feste si porta via: qual è l’ultimo libro che hai letto? “Una stanza piena di gente” di Daniel Keyes è un libro splendido: a metà tra la biografia e il saggio consigliatissimo!

2 Carbone! Un libro che ti sei pentita di aver acquistato, che ti ha deluso…“Non buttiamoci giù” di Nick Hornby è stato il primo e unico libro che io abbia letto di questo autore, mi ha deluso profondamente soprattutto per la prosa che ho trovato davvero scadente. Mi sono chiesta se fosse un problema di traduzione, ma non ho avuto voglia di acquistarlo in inglese per riprovare a leggerlo.

3 Calza! Un libro che da fuori non dice nulla, ma che al suo interno racchiude un sacco di sorprese “Con un piede impigliato nella storia” di Anna Negri l’autobiografia di questa donna offre uno spaccato estremamente interessante della storia italiana recente.

4 Caramelle!Una tira l’altra, una serie di cui vorresti leggere altri libri La serie 44 Scotland Street di Alexander Mc Call Smith, ma più in generale tutte le sue serie. Sono libri ben scritti, con trame sempre interessanti e divertenti.

5 Cioccolata! Quale libro ti mette sempre di buon umore “Alice nel paese delle meraviglie” è la mia favola preferita da sempre.

6 Scopa! Il bolide della befana, un libro che ti ha letteralmente travolta e non sei riuscita a mollare fino alla fine “Il centenaio che saltò dalla finestra e scomparve” di Jonas Jonasson perchè la trama è piacevolissima e gli sviluppi si sono susseguiti velocemente garantendo un ottimo ritmo ad un libro piuttosto lungo.

Prodotti finiti dicembre 2016

Durante l’ultimo mese dell’anno ho terminato diverse maschere: da qualche tempo ho preso l’abitudine di fare una maschera alla settimana, a seconda delle esigenze del momento scelgo a quale categoria dovrà appartenere (illuminante, idratante, elasticizzante ecc.). Purtroppo solo a fine dicembre ho deciso di riaprire il blog quindi non sono riuscita a recuperare l’involucro di tutte quelle che ho effettivamente utilizzato: da sinistra maschera antiossidante Iroha radiant alla vitamina C e acido ialuronico, maschera Elasticity I’m real di Tonymoly al melograno e la terribile maschera rassodante Lavera all’olio di kranja, te bianco, olio di melograno bio e acido ialuronico. Di queste tre soltanto l’ultima non mi è piaciuta per l’odore terribile che aveva e perchè a differenza delle altre non era in tessuto, ma era una mousse da spalmare sul viso.

dscn5036ho terminato anche la crema mani della linea bioecologica di Bottega Verde al profumo di limone con olio di sesamo che mi è piaciuta sia come profumazione sia per l’idratazione che dava alle mani. So che BV non produce più questa linea ed è un vero peccato! Ho deciso di buttare l’aqua cream n. 5 di Make up forever che vedete nella foto perchè ormai si era seccato però finchè era utilizzabile mi piaceva molto.

dscn5037Ho terminato anche l’acqua micellare alla calendula di So’bio étic che ho utilizzato quotidianamente per struccare il viso: è un prodotto delicato sulla pelle, ma estremamente efficace. Il solvente classico Parisienne che ho acquistato dopo averlo visto elogiare in molti video su Youtube, ma mi ha deluso molto perchè a mio parere toglie lo smalto con molta fatica e soprattutto non elimina il top coat con i brillantini che a volte ho usato come accent sugli anulari durante le feste. Tornerò decisamente ad acquistare il mio fidato solvente Maybelline. Infine lo struccante occhi di Avril all’acqua di fiori di arancio bio che mi bruciava leggermente, ma struccava molto bene gli occhi. Tenete presente però che io non uso cosmetici waterproof sugli occhi.

dscn5039

Shopping cosmeticoso di marzo

Durante il mese di marzo sono riuscita a concludere solo il fluido viso Vita stem di Bottega Verde. Solitamente quando inizia il caldo uso un solo prodotto sul viso quindi finchè non avrò terminato la mia attuale crema viso non credo farò altri acquisti.

La bio box di questo mese conteneva: Shampoo al cisto per capelli grassi, Latte crema con aloe vera Green Natural, Crema fluida melograno Weleda

e questi cosmetici di cui sono particolarmente contenta: la matita per sopracciglia Manga brows di Neve cosmetics e il correttore Avril col. Porcelaine, il campioncino di crema viso opacizzante alla magnolia Mater Natura si è rivelato troppo pesante per la mia pelle. Forse se lo avessi provato in inverno lo avrei apprezzato maggiormente.

Ho approfittato del cambio di stagione nell’armadio per fare un po’ di pulizia anche nel mio cassetto degli smalti. Mi sono resa conto di avere smalti prevalentemente in tonalità scure oltre ai classici rossi ho molti blu, marroni e verdi. Mi mancavano totalmente smalti dalle tonalità rosate, le più adatte per la stagione in arrivo quindi sono andata da Kiko e ho acquistato: Nail laquer n. 281 che è ottimo sia come stesura sia come durata, Quick dry n. 803 ha già raggiunto il bidone della raccolta differenziata perchè è davvero pessimo! Si stende con grandissima difficoltà ed evidenzia le irregolarità dell’unghia in modo davvero terribile. Infine Denim n. 460 che non mi entusiasma particolarmente, ma è almeno utilizzabile.

In una profumeria vicino casa hanno messo lo stand Essie quindi non mi sono ovviamente trattenuta dal fare qualche acquisto: Smalto n. 20 Lovie Dovie, Base fill the gap, Mavapen olio idratante per cuticole. Dopo questo ennesimo acquisto di smalto rosa ho dedotto che sono proprio le mie unghie a non tollerare la formulazione di queste colorazioni. La base è veramente ottima e aiuta molto a levigare la base dell’unghia. Assolutamente ottima poi la Mavapen per idratare le cuticole anche durante la giornata.