Home » cultura » Io uccido

Io uccido

Jean-Loup Verdier, dj di Radio Montecarlo riceve, durante la sua seguitissima trasmissione, una inquietante telefonata da uno sconosciuto che afferma di essere un assassino. La telefonata non viene purtroppo accolta con la dovuta considerazione e darà il via ad una serie di agghiaccianti omicidi. Frank Ottobre, agente dell’FBI in congedo dopo la tragica morte della moglie, per la quale si sente responsabile e Nicolas Hulot, commissario della Sûreté publique si trovano a dare la caccia al primo serial killer mai esistito nel Principato di Monaco. Devo ammettere di essermi accostata a questo libro con una cospicua dose di diffidenza dovuta al grande successo riscosso, ho atteso che venisse pubblicata una edizione super-economica a 5 Euro prima di comprarlo e solo in parte mi sono ricreduta in merito ai miei pregiudizi. L'idea che sta alla base del racconto è pregevole, l'ossatura del thriller efficace, pur nei limiti di un'opera prima. La scrittura di Faletti però è ridondante, ricchissima di metafore, troppo descrittiva: ogni scena è dipinta sulla pagina con grande dovizia di dettagli spesso totalmente inutili. Questo libro avrebbe potuto tranquillamente essere ridotto di almeno un terzo senza nulla togliere alla trama. Altro punto a sfavore dell'autore, a mio avviso, è l'ampio uso del flashback per raccontare il passato dei numerosi personaggi del romanzo che però non vengono mai delineati con la profondità necessaria, soprattutto l'assassino. Per molto tempo il lettore non riesce a farsi un'idea sull'identità dell'assassino nè sul perchè uccida con quelle modalità, poi all'improvviso l'autore decide di svelare tutto, un po' come se si fosse stancato lui stesso di scrivere per poi continuare per altre 200 pagine. Il finale mi è sembrato un po' stiracchiato per l'aggiunta di molti particolari all'ultimo minuto e ha rovinato quanto di bello c'era nella trama. L'unica nota veramente originale è l'ambientazione nel Principato di Monaco.

Annunci

5 thoughts on “Io uccido

  1. Questo, dei tre libri di Faletti che ho letto, per me rimane il più avvincente. Concordo sul fatto che la sua scrittura sia un po' troppo ridondante.Buona domenica Pam 

    Mi piace

  2. A me invece era piaciuto, pur saltando qualche pagina ripetitiva. Il primo libro, e forse l'unico, che mi ha fatto venire gli incubi (nonostante io sia un'affezionata del noir). Mi hai fatto tornare alla mente ricordi a cui sono legata. Grazie. E grazie della visita, susi

    Mi piace

  3. Dicono che Faletti abbia un ghost-writer… secondo te potrebbe essere plausibile?Questo comunque è uno di quei libri che prima o poi leggerò.

    Mi piace

  4. Io leggo veramente di tutto… ma tutto tutto…. Io uccido mi è stato regalato e ho provato a leggerlo ma il sonno mi assaliva dopo una decina di pagine. Ho provato ben due volte a distanza di qualche annetto… e nada nn c'è nulla da fare :(Mi farebbe molto piacere scambiare il link con te… visitami :)Un bacio 

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...